5+3 curiosità sull’Oktoberfest

Oktoberfest

 

L’Oktoberfest, la festa della birra più famosa del mondo, regala emozioni uniche, anche se non tutti sanno che…

Oktoberfest: 5+3 curiosità che pochi conoscono

#1. la birra servita viene prodotta esclusivamente dalle 6 storiche birrerie di Monaco, Löwenbräu, Paulaner-Bräu, Augustiner-Bräu, Staatliches Hofbräu-München (HB), Hacker-Pschorr-Bräu, Spatenbräu. Queste, le 6 sorelle di Monaco, come sono chiamate, sono le uniche ad avere i requisiti previsti dall’ “Editto di Purezza” promulgato nella capitale bavarese nel 1485, e recepito nel 1516 dal resto della Baviera.

#2. I grandi capannoni sono 14, mentre I tendoni più piccoli sono 21, per un totale di quasi 100.000 posti a sedere.

#3. I capannoni dell’Oktoberfest non sono tutti uguali. Oltre alle dimensioni, si differenziano anche per il tipo di birra che servono, per le specialità culinarie del menù, per l’arredamento e per la musica che offrono. Ogni tendone, infatti, è un mondo a parte, con una storia e tradizione particolare.

#4. Se per entrare nei capannoni ed essere serviti a volte è un’impresa, bere comodamente fuori, nei Biergarten, è deciamente più facile. Bisogna solo sperare che non piova…

#5. “Hau den Lukas” è uno dei divertimenti più antichi. Ricorda vagamente lo spaccare legna visto in TV almeno una volta, e coinvolge il pubblico, specie dopo qualche birra di troppo.

Oktoberfest-Panorama#6. Lasciare le mance alle cameriere non è un optional, ma è obbligatorio. Non se ne andranno dal tavolo se non allungate loro almeno un euro in più di quello indicato sullo scontrino.

#7. Il simbolo dell’Oktoberfest è senza dubbio la Statua della Baviera alta 18 metri. Le sue 70 tonnellate di bronzo sono un punto di riferimento per chi, all’interno del parco, si perde, o è troppo ubriaco per cercare gli amici. Viene usata come simbolo di ritrovo, essendo visibile da qualsiasi angolo del parco.

#8. Salire sulla Statua della Baviera è possibile: dopo aver fatto tutti e 121 gli scalini, si può godere di una bellissima vista attraverso i suoi occhi.

Insomma, non ci sono scuse per non partecipare alla festa alcolica più entusiasmante di sempre. Stesso discorso del capodanno a Vienna: è praticamente impossibile mancare!